• 1

Diventare massone

Perché diventare massone?

Probabilmente ci sono tante motivazioni quanti sono i Liberi Massoni. Ma possiamo trovare ragioni di valore generale, come quella di una maggiore libertà interiore, di una fioritura, di un allargamento di coscienza. Tale desiderio è naturalmente presente in molti candidati all'ammissione che dicono di essere "in cerca di qualcosa", un non-so-che indefinibile, una mancanza essenziale, un vuoto che si manifesta nella loro vita di tutti i giorni. Il bisogno di una condivisione sincera con altri "ricercatori", il bisogno di uno scambio intellettuale, emotivo e spirituale, è spesso espresso dai candidati.

L'approccio massonico è un interrogarsi sull'essere (una ricerca) che può rispondere a questa aspirazione. Affinché il suo approccio abbia un senso, il lavoro fondamentale del Massone è quello di conoscersi bene per prendere l'esatta misura delle proprie capacità e dei propri limiti. Il metodo di lavoro che gli verrà proposto implicherà una profonda esplorazione della sua realtà interiore, grazie in particolare al lavoro in Loggia che si svolge in tutta serenità e libertà.

La Massoneria è dunque una scuola non dogmatica di riflessione, tolleranza, fraternità, che permette ad ogni essere umano sincero e libero di lavorare per il proprio miglioramento e di irradiare così intorno a sé.

Altri vogliono unirsi alla Massoneria per partecipare al progresso dell'umanità. Vasto progetto!

La candidatura

Generalmente si entra in Massoneria per cooptazione, cioè attraverso una persona già iniziata. Tuttavia, non è sempre così.

Per quanto riguarda la Grande Loggia Svizzera, è possibile contattare uno dei suoi membri che inoltra le richieste all'una o all'altra tra le Logge.

La condizione essenziale di una candidatura è riassunta dalle parole: "essere liberi e di buona morale", cioè mostrare probità morale e rispetto per l'essere umano.

Una volta completato questo processo, il candidato sarà contattato da una o più persone, e riceverà questionari, con l'obiettivo di conoscersi meglio e di prendere nota della sua libertà di spirito, integrità morale, rispetto per gli esseri umani e profondo desiderio di lavorare per il loro progresso spirituale.

Questi preliminari possono quindi richiedere un certo tempo, ma lungi dall'essere un ostacolo, questo ritardo permette ad entrambe le parti di verificare l'adeguatezza dell'approccio.

Può darsi che al termine di tali scambi, nonostante la buona volontà dei responsabili del fascicolo del richiedente, una domanda non possa essere accolta per incompatibilità tra la domanda e la motivazione personale. Si richiama l'attenzione dei candidati sulla riservatezza della candidatura e sulla distruzione dell'intero fascicolo. Il candidato, da parte sua, può interrompere il processo in qualsiasi momento con la stessa garanzia di discrezione.

È ancora necessario sapere che ci si può dimettere da una Loggia come da qualsiasi società civile.